Fondo pensione: cos’è e come funziona

Essere giovani significa molte volte vivere la propria vita con una certa leggerezza. E va benissimo così. Ci mancherebbe altro. Eppure, con il passare del tempo e con il trascorrere degli anni lavorativi inizia a diventare sempre più frequente il pensiero della pensione.

Molte spesso questo periodo viene visto come quel momento in cui è possibile tirare il fiato dal tram tram quotidiano che spesso ci attanaglia al lavoro. E dove, finalmente, possiamo goderci la giornata come vorremmo. Eppure, non è sempre oro quel che luccica.

La situazione economica e lavorativa degli ultimi anni, infatti, ha reso un po’ più complesso tutti questi passaggi. Ma, soprattutto, ha iniziato a fare rendere conto alle generazioni più giovani di lavoratori che è bene iniziare a prendersi per tempo. Onde evitare di trovarsi poi con un pugno di mosche in mano. Ma come fare? Un’ottima soluzione in questi casi è data dal fondo pensione.

Iscriviti al canale Telegram e ricevi sconti fino al -70%

Fondo pensione: che cos’è

Quando parliamo di fondo pensione ci riferiamo ad un pensione complementare che potrà essere riscattata non appena raggiunta l’età contributiva necessaria. Questo gruzzoletto, andrà ad integrare l’importo mensile che percepirai dallo stato e che hai accumulato nel corso degli anni attraverso il pagamento dei contributi previdenziali.

LEGGI ANCHE: Modello Isee: tutti i documenti necessari

Perché iniziare a pensare al fondo pensione?

La situazione attuale del nostro paese ha messo i lavoratori di fronte ad una condizione piuttosto complessa. Accade con sempre maggiore frequenza, infatti, che ci si veda un importo di trattenute in busta paga sempre più elevato. Ma che la prospettiva mensile in vecchiaia sia di una cifra sempre più bassa. Non solo.

Il primo impiego regolarmente contrattualizzato non si ottiene più da giovanissimi. E l’innalzamento dell’età obbligatoria per frequentare la scuola ha sicuramente inciso al riguardo. Questo significa, di conseguenza, che anche l’età in cui è possibile accedere alla pensione è aumentata.

Se, a tutto ciò, aggiungiamo pure la questione relativa all’enorme numero di anziani che richiedono la pensione a fronte di una forza lavoro attiva minima, è inevitabile iniziare a pensare di prendere tutte le precauzioni del caso. Giusto per evitare di ritrovarsi al completamento della propria vita professionale senza nemmeno i soldi per fare la spesa.

Come funziona?

Grazie al fondo pensione avrai la possibilità di accantonare una somma con l’obiettivo di riscattarla una volta che avrai completato la tua vita professionale. L’importo può essere versato sia mensilmente attraverso un addebito in conto corrente (come, ad esempio, i Rid) che una tantum attraverso bonifico.

In alternativa, puoi sempre richiedere al tuo datore di lavoro di destinare la tua quota mensile di Tfr al fondo di previdenza complementare. Quest’ultima soluzione è piuttosto utile per due fattori:

  • il primo è che non ti accorgi neanche dei versamenti mensili e, ben presto, riuscirai a crearti il tuo gruzzoletto senza neanche rendertene conto;
  • il secondo è dato dall’utilità di non tenere il Tfr in azienda. Immagina, ad esempio, di voler cambiare lavoro e di vederti recapitare tutti i soldi che la società ha messo da parte per te nei tanti anni di lavoro. E di vederti poi gran parte di essi tassati perché risulta che hai percepito ha superato gli scaglioni di reddito minimi.

Quanto versare sul fondo pensione?

Una risposta precisa non c’è. L’importo che andrai a corrispondere mensilmente lo deciderai tu in base alle tue necessità. Ma rimarrà invariato per tutta la durata del contratto. Questo significa che, ad esempio, se hai deciso di versare 100 euro al mese nel tuo fondo pensione, questa sarà la rata che ti verrà addebitata ogni volta.

Il mio consiglio, in questo caso, è quello di scegliere, piuttosto, una cifra mensile più bassa (come, ad esempio, 50 euro), ma che sei sicuro di versare tutti i mesi. Anche in quelli più pesanti in cui tra mutuo, assicurazione auto e bollette il tuo portafoglio a fine mese piange.

Piuttosto, riesci a mettere qualcosina da parte durante l’anno, puoi sempre pensare di effettuare un versamento integrativo una tantum.

E’ possibile riscattare prima il fondo pensione?

Sì, certo. all’interno dei contratti di fondo pensione sono previste delle eccezioni che consentono al proprietario del fondo pensione di riscattare una parte o la totalità della somma versata fino a quel momento. Prima del termine della propria vita professionale, si intende.

Ecco i casi previsti per legge:

  • invalidità permanente;
  • decesso del beneficiario;
  • stato di un’occupazione da più di 48 mesi;
  • spese mediche o sanitarie;
  • acquisto prima casa;
  • ristrutturazione prima casa

NOTA BENE: Nel caso di disoccupazione per un periodo superiore ai 12 mesi e inferiore ai 4 anni è possibile ottenere solo il 50% del capitale versato fino a quel momento.

Deducibilità e limiti di versamento

Il fondo pensione è deducibile. Questo significa che la somma che avrai versato nel corso di un anno contribuirà ad abbassare il reddito lordo che percepisci dal datore di lavoro. E, di conseguenza, ti ritroverai a pagare meno contributi.

L’unico neo di questa forma previdenziale è data dal limite di versamento annuo che è stato fissato a 5164,57 euro per nucleo familiare. Questo significa, quindi, che la deducibilità è valida solo per questo importo. Nel caso dovessi versare un importo maggiore, l’eccedente non verrà preso in considerazione in fase di calcolo delle tasse.

Percentuali di deducibilità

Nella seguente tabella ho riportato le percentuali di deducibilità del fondo pensione. Lo scaglione di reddito è considerato come annuo e lordo. Ti faccio un esempio. Se percepisci un reddito lordo di 35.000 euro, la tua aliquota sarà del 27% fino ai 28.000 euro e al 38% per l’importo rimanente (ossia 7.000 euro).

Scaglione di redditoAliquota
Fino a 15.000 euro23
Da 15.001 a 28.000 euro27
Da 28.001 a 55.000 euro38
Da 55.001 a 75.000 euro41
Oltre ai 75.000 euro43

Non dimenticare, inoltre, che queste stesse aliquote ti serviranno a calcolare i soldi che ti torneranno indietro dopo la dichiarazione dei redditi. E che, di conseguenza, troverai in busta paga Se, ad esempio, lo scorso anno hai percepito un reddito lordo di 20.000 euro e hai accantonato 1.000 euro nel fondo pensione, ti ritroverai a luglio 270 euro in busta paga.

Rispondi