Fashion

Il ritorno di Postalmarket: sarà  l’Amazon italiano

Il catalogo Postalmarket torna in versione digitale e con un progetto ambizioso: diventare l'Amazon italiano. Ci riuscirà?

Se hai superato la trentina, hai sicuramente sentito parlare di Postalmarket. Questo catalogo era molto in voga qualche anno fa e arrivava in versione cartacea nelle nostre case. Ricordo ancora le chiacchiere tra mia nonna e le sue amiche che parlavano di quanto fosse bello il colore di quella giacca o la forma di quel cappello. Diciamo che, paragonato ai giorni nostri, era la stessa cosa di quando ti arriva in casa il catalogo dell’Ikea. Solo che lì c’erano per lo pi articoli di abbigliamento, accessori e cosmetici.

Questo fascicolo bello grosso e ricco di spunti per avere un outfit all’ultima moda, è stato stampato su carta fino alla fine degli anni Novanta. Le ultime edizioni sono state realizzate in formato digitale ma, tuttavia, non hanno catturato l’attenzione del grande pubblico. Il gruppo, infatti, ha annunciato il fallimento nel 2015.

LEGGI ANCHE: Vinted app: come funziona?

Il ritorno: dove e quando?

Stefano Bortolussi, l’imprenditore friulano che ha acquistato il marchio Postalmarket un paio di anni fa, ha annunciato di voler tornare in grande stile nel mercato italiano proponendo il catalogo in versione digitale. Se sei un amante dei vecchi tempi, però, non devi temere. E’ prevista anche una versione cartacea, ma solo per gli abbonati.

Il rilancio è previsto prima di Natale. Bortolussi ha spiegato:

Abbiamo un sogno ambizioso e proviamo a realizzarlo: vogliamo diventare l’Amazon italiano. C’è molto lavoro da fare. Il nostro modello di business è differente dal precedente, ma contiamo anche in un remake del catalogo. Sono milioni le persone che si ricordano di Postalmarket e dunque che sono nostri potenziali clienti

Le idee

L’imprenditore aveva preso i primi contatti con il brand nel lontano 2004, quando aveva iniziato ad occuparsi del marketing aziendale. Il brand, però, passò nelle mani di diversi acquirenti fino a raggiungere il fallimento nel 2015. Una situazione ben diversa da quel colosso della moda che era riuscita a creare nel 1959 la fondatrice dell’azienda, Anna Bonomi Bolchini.

A distanza di anni, tuttavia, Bortolussi ha mantenuto vivo il suo sogno nel cassetto di far tornare ad essere grande come un tempo il marchio Postalmarket. E’ così che ha provveduto ad acquistare i vari domini (.com e .it) e avviare una collaborazione con Francesco D’Avella, proprietario dell’ecommerce Store Eden. In breve troveranno un investitore di start-up e, allora, il rilancio del catalogo più famoso in Italia potrà prendere il via.

Condividi:

Rispondi