Benessere Cucina

Qual’è il migliore olio per friggere?

Qual'è il miglior olio per friggere? Scopri cosa utilizzare per rendere la tua frittura gustosa e, al tempo stesso, sana.

Partiamo dal presupposto che i cibi fritti fanno parte di quella categoria di alimenti che bisognerebbe consumare con estrema attenzione. Eppure, ci sono delle volte in cui proprio non possiamo farne a meno. Tipo quando la settimana è stata particolarmente pesante e serve quel qualcosa in grado di tirarci su il morale.

Quello che andiamo a scoprire di seguito, quindi, è il migliore olio per friggere. Per cuocere in modo salutare e senza alterare troppo il sapore degli alimenti.

Cosa cambia da un olio ad un altro?

Prima di addentrarci sul perché scegliere un olio rispetto ad un altro, cerchiamo prima di capire cosa cambia in fase di preparazione. Durante la frittura questo ingrediente raggiunge elevate temperature, una situazione che ne comporta l’ossidazione e, di conseguenza, anche la formazione di sostanze nocive.

Ovviamente, l’utilizzo dello stesso olio in diverse occasioni può provocare un aumento di queste reazioni molto nocive per la nostra salute.

Qual’è il miglior olio per friggere?

Il ricercatore del dipartimento di scienze e alta tecnologia dell’Università degli studi dell’Insubria, Dario Bressanini, ha spiegato nel sito della Fondazione Veronesi che non esiste un olio migliore di un altro in assoluto.

La cosa migliore sarebbe quella di prendere in considerazione alcune regole. Come quella della presenza di grassi monoinsaturi. E l’olio che ne contiene in quantità maggiore farà sicuramente meno male. E’ il caso, ad esempio dell’olio extravergine di oliva.

Una valida alternativa può essere rappresentata dall’olio di arachidi, che ha una buona resistenza alle alte temperature. Inoltre, non avendo subito un processo di raffinazione, dispone di una scorta di acidi grassi liberi maggiore rispetto alla norma.

L’olio di semi di girasole, quello di mais e quello di soia, invece, tendono a deteriorarsi con estrema facilità se a contatto con l’aria o se esposti ad alte temperature.

LEGGI ANCHE: Instant Pot: come funziona e perché comprarla?

Che olio si usa per la friggitrice?

Ricapitolando un po’ la situazione, quindi, possiamo dire che se sei alla ricerca del migliore olio per friggere puoi scegliere tra l’olio extra vergine di oliva e l’olio di arachidi. Soprattutto quando si utilizza la friggitrice.

Non dimentichiamo, infatti, che questa particolare tipologia di cottura non dovrebbe mai essere fatta ad una temperatura inferiore ai 160 gradi. Se questo dovesse avvenire, il rischio è che gli alimenti assorbano l’olio senza aver raggiunto la cottura necessaria.

A cosa serve l’olio di semi vari?

Ma se per la frittura sarebbe meglio utilizzare l’olio extra vergine di oliva oppure l’olio di arachidi, a cosa serve l’olio di semi vari?

Gli altri olii possono essere utilizzati come condimento a crudo (come, ad esempio, per le insalate). Ma anche per tutte quelle preparazioni che non necessitano di cotture superiori ai 160 gradi.

Foto di MART PRODUCTION da Pexels

Ultimo aggiornamento 2021-12-02 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Rispondi