Famiglia

Vaccino antinfluenzale 2020: ecco chi lo può fare gratis

La stagione del vaccino antinfluenzale 2020 ha preso il via: scopri quali sono le categorie a rischio e chi lo può fare gratis

Dal 1 ottobre 2020 ha preso il via la stagione del vaccino antinfluenzale. Molti i pareri contrastanti tra il personale medico e i no vax. Tra chi è pro e chi, invece, contro. Ma non siamo qui a fare polemica su cosa è meglio fare.

Quelle che vi riporto di seguito, invece, sono le categorie a rischio per le quali il vaccino antinfluenzale è fortemente consigliato. E che, di conseguenza, possono farlo gratis, chiedendolo comodamente al proprio medico di base o rivolgendosi in farmacia.

Categorie a rischio: quali sono

  • soggetti a partire dai 60 anni;
  • bambini dai 6 mesi fino a età inferiore di 6 anni alla data della vaccinazione;
  • donne in gravidanza o periodo “postpartum“;
  • soggetti dai 6 ai 18 anni trattati con acido acetilsalicilico e che rischiano la Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale;
  • persone di qualsiasi età ricoverati presso strutture lungodegenti;
  • familiari e contatti di soggetti ad alto rischio di complicanze;
  • donatori di sangue;
  • personale delle Forze dell’Ordine, Vigili del Fuoco e personale della Protezione Civile;

Patologie a rischio

Entrano a far parte delle categorie a rischio per cui è preferibile fare il vaccino antinfluenzale 2020 anche i soggetti di età uguale o superiore ai 6 anni e inferiore ai 60 affetti da:

  1. malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio (inclusa l’asma grave, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica e la broncopatia cronico ostruttiva – BPCO)
  2. malattie dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite ed acquisite
  3. diabete mellito e altre malattie metaboliche (inclusi gli obesi con Indice di massa Corporea superiore a 30)
  4. epatopatie croniche
  5. insufficienza renale/surrenale cronica
  6. malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie
  7. tumori e in corso di trattamento chemioterapico
  8. malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV
  9. malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali
  10. patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici
  11. patologie associate ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es. malattie neuromuscolari)
  12. altre patologie che aumentano il rischio di gravi complicanze da influenza

Lavori a rischio per cui è raccomandato il vaccino

Il vaccino antinfluenzale è, inoltre, indicato per coloro che fanno un lavoro a contatto con gli animali che potrebbe costituire una fonte di infezione di virus non umani:

  • allevatori
  • addetti all’attività di allevamento
  • addetti al trasporto di animali vivi
  • macellatori e vaccinatori
  • veterinari pubblici e libero-professionisti

Dipendenti pubblici a rischio

Agli addetti ai servizi pubblici di primario interesse collettivo è consigliato in ugual misura di fare il vaccino antinfluenzale, considerato l’alto rischio legato alla professione:

  • altre forze armate
  • personale degli asili nido, di scuole dell’infanzia e dell’obbligo
  • addetti poste e telecomunicazioni

Potrebbe interessarti anche:

Condividi:

Rispondi